Lo Stato criminale

di | 30 Gen 2014

Parla per la prima volta Vincenzo Scarantino, l’uomo che si era accusato, salvo poi ritrattare tutto, della strage di Via d’Amelio che causò la morte di Paolo Borsellino e degli uomini della sua scorta. Scarantino racconta come un gruppo di poliziotti lo facesse studiare, lo preparasse agli interrogatori: “Le sere prima mi leggevano tutto e io dovevo memorizzare tutto quello che sentivo”. Scarantino, attualmente imputato a Caltanissetta, per calunnia. “La mafia – dice Scarantino – arriva, spara in faccia, spara in testa. Subito uno si accascia, e muore. Lo Stato, invece, ti fa morire giorno dopo giorno”.

“Lo Stato criminale”, è questo il titolo della puntata del 30 gennaio 2014, di Servizio Pubblico, programma di Michele Santoro in onda su La7, alle 21.10. Nel corso della puntata verranno anche ascoltati, per la prima volta, gli audio originali delle intercettazioni tra l’ex presidente del Senato Nicola Mancino e Loris D’Ambrosio, all’epoca consigliere giuridico del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. E per la prima volta davanti alle telecamere parla il presunto ‘Faccia da mostro’, un ex poliziotto della squadra mobile di Palermo sospettato di essere un killer di Stato.
Tra gli ospiti in studio, il direttore di Panorama Giorgio Mulé, il giornalista Marco TravaglioI deputati del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera, e Giulia Sarti, membro della commissione antimafia e della commissione giustizia.

Archivio Puntata

Riina: “Il senatore del nostro mandamento”

“Il senatore che abbiamo, il paese di lui era mandamento nostro”. Salvatore Riina parla anche…


Travaglio e la Trattativa: “Lo Stato si è calato le brache”

Marco Travaglio prova a ricostruire quello che accadde e sta ancora accadendo nella trattativa Stato…


L’incredibile storia di Vincenzo Scarantino/2

PARTE 2 Scarantino è un picciotto di borgata quando nel 1992 viene arrestato per la…


Il ruolo di Napolitano

Giorgio Mulè affronta la posizione di Giorgio Napolitano nell’affare Stato-Mafia: il Capo dello Stato non…


La nota della Boccassini

Giorgio Mulè, direttore di Panorama, ripercorre i fatti che coinvolgono il magistrato Boccassini: una sua…


Il mistero della morte di Nino Gioè

Il boss mafioso Nino Gioè viene ritrovato morto nel carcere di Rebibbia nella notte tra…


La verità di Scarantino

“Su di me ho subito terrorismo psicologico e fisico: non mi sono presentato in questura…


“Mio fratello Vincenzo? È morto”

Parla Umberto Scarantino il fratello dell’ex pentito, che lo ha ripudiato.


La storia del colonnello Mori

Della trattativa Stato-Mafia esistono 30 elementi fattuali. Riina ha un problema esistenziale come tutti quelli…


Il solito Di Matteo

Lo scontro Travaglio – Mulè sulle stragi del ’92, il 41 bis e le parole…


Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati