Inferno Atomico

di | 29 dic 2013

A un anno dall’appello delle mamme della Terra dei Fuochi al presidente Giorgio Napolitano, Servizio Pubblico Più ripropone “Inferno Atomico”, il reportage realizzato nelle terre contaminate dai rifiuti tossici. In 20 anni, tra Napoli e Caserta, sono stati interrati 10 milioni di tonnellate di fusti nocivi, 410mila camion che hanno fatto su e giù per l’Italia con il loro carico di morte, senza che nessuno li fermasse. Oltre al reportage, l’approfondimento in studio con i  protagonisti del racconto: il pentito del clan dei Casalesi Carmine Schiavone, l’ex investigatore della Criminalpol Roberto Mancini e le mamme della Terra dei Fuochi.

Archivio Servizio Pubblico Più

Chi ascolterà le mamme della Terra dei Fuochi?

Le mamme della Terra dei Fuochi, le terre contaminate dai rifiuti tossici e letali, la…


Ho visto Ebola

Torna Servizio Pubblico Più con ”Ho visto Ebola”: il reportage esclusivo, realizzato da Pablo Trincia e Francesca Di Stefano,…


Una vera bufala?

Giuseppe Mandara, il re della mozzarella di bufala campana, e’ stato arrestato questa mattina dagli…


La rapina

Il mondo del gioco d’azzardo è al centro del nuovo Speciale Servizio Pubblico Più, condotto…


PROMO – LA RAPINA

Torna Servizio Pubblico Più con un nuovo reportage sul gioco d’azzardo. Stefano Bianchi e Paolo…


Tra i rifiuti con Schiavone

Servizio Pubblico ripropone, a un anno di distanza, il viaggio tra i rifiuti che stanno…


Le mamme contro Schiavone

Dallo Speciale Servizio Pubblico Più “Inferno Atomico”, dedicato alla Terra dei Fuochi, il confronto in…


Vatican thriller / Giallo Vaticano

“Inside The Roman Curia there are blessed people, but there is also a network of…


Sepolta Viva

Quanto spende il nostro Paese per le bellezze e i beni culturali che tutto il…


L’età dell’innocenza 2

Partendo dalla sentenza di primo grado del cosiddetto “Processo Ruby”, lo Speciale Servizio Pubblico Più…


12

Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati
Vauro
Renzimarò
Ahi Marò