La rapina

di | 19 Gen 2014

Il mondo del gioco d’azzardo è al centro del nuovo Speciale Servizio Pubblico Più, condotto da Sandro Ruotolo. Il reportage, realizzato da Stefano Bianchi e Paolo Santolini, è un viaggio dentro il grande affare delle slot machine e dei giochi di Stato fra concessionarie pubbliche vicine ai politici e condoni, gestori in odore di mafia e giocatori seriali rovinati, con le loro famiglie, dalle macchinette. Gli ospiti dell’approfondimento in studio sono il cantante Pupo, il senatore Nicola Morra del Movimento 5 Stelle, Matteo Iori, presidente del Conagga, Coordinamento nazionale gruppi per giocatori d’azzardo e Florinda Maione, psicoterapeuta della Siipac, Società italiana intervento patologie compulsive.

Archivio Servizio Pubblico Più

Chi ascolterà le mamme della Terra dei Fuochi?

Le mamme della Terra dei Fuochi, le terre contaminate dai rifiuti tossici e letali, la…


Ho visto Ebola

Torna Servizio Pubblico Più con “Ho visto Ebola”: il reportage esclusivo, realizzato da Pablo Trincia e Francesca Di Stefano,…


Una vera bufala?

Giuseppe Mandara, il re della mozzarella di bufala campana, e’ stato arrestato questa mattina dagli…


PROMO – LA RAPINA

Torna Servizio Pubblico Più con un nuovo reportage sul gioco d’azzardo. Stefano Bianchi e Paolo…


Tra i rifiuti con Schiavone

Servizio Pubblico ripropone, a un anno di distanza, il viaggio tra i rifiuti che stanno…


Le mamme contro Schiavone

Dallo Speciale Servizio Pubblico Più “Inferno Atomico”, dedicato alla Terra dei Fuochi, il confronto in…


Inferno Atomico

A un anno dall’appello delle mamme della Terra dei Fuochi al presidente Giorgio Napolitano, Servizio…


Vatican thriller / Giallo Vaticano

“Inside The Roman Curia there are blessed people, but there is also a network of…


Sepolta Viva

Quanto spende il nostro Paese per le bellezze e i beni culturali che tutto il…


L’età dell’innocenza 2

Partendo dalla sentenza di primo grado del cosiddetto “Processo Ruby”, lo Speciale Servizio Pubblico Più…


12

Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati