ESCLUSIVO: Ecco il foreign fighter a cui gli arrestati in Lombardia si ispiravano

Oussama Khachia aveva 30 anni. Suo fratello, Abdereahmane, 23 anni, è tra gli arrestati dell'ultima inchiesta antiterrorismo in Lombardia. Marocchini di origine, i fratelli Khachia vivevano a Brunello, in provincia di Varese, da più di dieci anni. Oussama, il grande, era stato espulso l'anno scorso. Imbarcato su un volo per Casablanca, sparì. Di lui si saprà che è morto in battaglia, in Siria, sotto il vessillo nero dell'Isis. Il fratello più piccolo, Abdereahmane, secondo gli investigatori era pronto a seguire le tracce del fratello che in questa intervista video sigla una sorta di suo manifesto pro-Califfo.

In primo piano

combattentiing

“Portate il terrore nel cuore degli infedeli”

I foreign fighters ai "fratelli inglesi"
sp0415_14_Jebreal_guerra_comunicazione

Jebreal: “L’ISIS produce 90mila tweet al giorno, è guerra in rete”

L'analisi sulla propaganda del Califfato
ffff5176

“Arriveremo a Roma, con le preghiere o con la guerra”

A casa di Ibrahim Delić, il pastore imam che inneggia al jihad
romavauro

L’Isis arriva a Roma e…

La vignetta di Vauro!
Guerra fra mondi
anasbanner

Il jihadista della porta accanto

I foreign fighters rappresentano un pericolo reale e imprevedibile. Secondo le ultime stime, i combattenti partiti dall’Europa e diretti verso gli scenari di guerra mediorientali sarebbero tra i tre e i 5mila. Tra loro c’è Anas: 21 anni, figlio di genitori marocchini ma cresciuto a Vobarno, nel Bresciano, è partito per la Siria con l’intenzione di sposare lo Jihad

ffff5181

La storia di Anas / 1: il rapper jihadista

A Vobarno, nel paese in cui è cresciuto
ffff5182

La storia di Anas / 2: la moschea dove pregava

“L’estremismo nasce dall’ignoranza”
ffff5183

La storia di Anas / 3: l’amicizia con Dr. Domino

L'amico rapper: "Lui jihadista? Vuole portare l’Islam nel mondo”
noussair

[Esclusiva SP] Il presunto foreign fighter arrestato oggi era sbarcato a Lampedusa nel 2011

Servizio Pubblico l'aveva incontrato 4 anni fa

Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati