Lo stato sociale

di | 29 Mar 2012

“Lo Stato Sociale” è il titolo della puntata di giovedì 29 marzo di Servizio Pubblico.
Se il Paese non è pronto per la riforma del lavoro, il governo – ha precisato il premier Monti – non tirerà a campare. Ma come ci arriveranno gli italiani al 2013? E i partiti riusciranno a ritagliarsi una nuova centralità? Il Partito democratico deciderà da che parte stare?
Ospiti di Michele Santoro: il presidente del Partito democratico Rosy Bindi, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris dell’Italia dei Valori, il segretario generale Fiom-Cgil Maurizio Landini, i giornalisti Nicola Porro, vicedirettore del Giornale, e Franco Bechis, vicedirettore di Libero. In collegamento da Genova, Sandro Ruotolo con i metalmeccanici in protesta.

Archivio Puntata

Le vignette di Vauro

Vauro presenta le vignette per la diciannovesima puntata. Tra i temi: articolo 18, licenziamenti, i…


Le banche possono stare tranquille

Il Governo ha ascoltato le lamentele dei banchieri ripristinando commissioni su prestiti e fidi: purtroppo…


L’intervista alla vedova Mariateresa Carlucci

Michele Santoro intervista Mariateresa Carlucci: “Mio marito non era depresso o incapace… Credo si sia…


I lavoratori precari dell’Isfol

Federica De Luca, ricercatrice Isfol (Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori) illustra…


Bindi e De Magistris sull’articolo 18

La Bindi sull’articolo 18: “C’è una cosa sulla quale il PD è inamovibile: anche se…



Michele Carugi e De Magistris su politica e società

L’esodato Michele Carugi: “Le prossime elezioni le perderanno tutti se non si cambia mentalità. Siamo…


Landini: la tenuta democratica del Paese è a rischio

Sandro Ruotolo in collegamento da Sestri Ponente con piccoli imprenditori e commercianti. La crisi di…


Ichino sull’articolo 18

Giulia Innocenzi intervista Pietro Ichino: “Non irrigidiamo le posizioni sull’articolo 18… Concentriamoci sui nuovi contratti…


Copertina

La Fornero dice che la mobilità lunga è un male e che i lavoratori devono…


12

Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati